XENON1T, il rivelatore più sensibile al mondo per la ricerca diretta di materia oscura, presenta i suoi primi risultati

Sono stati presentati oggi, 18 maggio 2017, i primi risultati
dell’ esperimento XENON1T su un run di acquisizione dati di circa 30 giorni.
Il rivelatore presenta il fondo radioattivo più basso che sia mai stato ottenuto in un esperimento di ricerca diretta di materia oscura, pienamente in accordo con le predizioni delle simulazioni Monte Carlo.
Dall’analisi dei dati non sono state osservate indicazioni di interazioni di materia oscura, per cui è stato ottenuto un limite che risulta già essere il migliore al mondo per la ricerca in questo ambito.
Nel frattempo sono stati acquisiti ad oggi ulteriori 60 giorni di dati (e l’acquisizione dati continua senza sosta e con ottima qualità): essi permetteranno a breve di migliorare ulteriormente la sensibilità del rivelatore, e di verificare regioni di parametri di materia oscura ancora inesplorate, con la speranza di osservare finalmente questo prezioso segnale!

Qualche dettaglio ulteriore nel seguente allegato.